Quest’anno prova a cambiare, altra spiaggia altro mare…

È ufficialmente scoppiata la summer-mania, con tutti i pro (ed i pochissimi contro: zanzare, ad esempio) del caso. Le ferie arriveranno, siatene certi: come comportarsi per affrontarle al meglio? Una buona dose di positività e tanta voglia di fare non guastano. L’estate è senza dubbio la stagione migliore per fare conoscenze e scoprire nuovi interessi: basta uscire dalla comfort zone e mettersi in gioco, il rischio ripagherà lo sforzo. Cosa ci aspetta per questa estate 2019? Via libera alla creatività: dalle scelte più tradizionali (la famosa meta del cuore) a quelle più avventurose, l’importante è godersi a pieno il momento. Obiettivo: have fun!

Estate, tempo di aperitivi e cene con gli amici ma tra un evento e l’altro certo non guasterebbe un po’ di sano movimento! Fitness never killed nobody, e in questa stagione più che mai le attività da spiaggia si trasformano in qualcosa di spettacolare e dinamico (un po’ di show off è d’obbligo). Anche quest’anno nuovi sport sono saliti alla ribalta, facendo parlare di se tra stories di Instagram e servizi dei telegiornali più trendy. Ridimensionate i vostri parametri di gioco e tirate fuori gli smartphone: occhi puntati sulle performance migliori, potreste ritrovarvi in un attimo divi del web, finendo tra le tendenze Youtube. Anche lo sport è glam, con un linguaggio social-friendly come pochi altri.

 

 

Paddle Surf

Il Paddle Surf o Stand Up Paddle è il modo migliore per esercitare equilibrio e coordinazione – addominali d’acciaio anyone?! Degna variante del surf da onda, il Paddle prevede un esercizio molto intenso con l’obiettivo di riuscire a pagaiare in piedi sulla tavola cavalcando le onde, anche se le condizioni di utilizzo più convenienti prevedono un mare calmo e cristallino.

 

Curiosità instagrammabile?

A lanciare la moda fu uno dei fratelli Ah Choy, fra i più noti beachboys degli anni ’50, che, allettato dall’idea di scattare delle foto in acqua e quindi più vicino all’azione con una prospettiva completamente diversa e più realistica, si fece prestare un remo e pagaiando su un longboard arrivò, senza cadere, nei pressi del break point, immortalando l’azione per la prima volta dall’acqua con una Kodak. Senza volerlo, aveva scoperto lo Stand Up Paddle!

Go-pro ready!


 

Foot Volley

Italia = Calcio, un’equazione semplice quanto efficace: basta dare a chiunque una palla e le sue giornate si riempiranno giocando a calcio o qualche variante di questo fantastico sport. Se i palleggi sono il vero talento, certo non ci si potrà esimere da una partita a Foot Volley. Ispirato al più comune beach soccer, il Foot Volley si avvicina molto a quest’ultimo, con la differenza che la palla dovrà stare sempre in volo senza mai toccare terra. Bomber da spiaggia fatevi avanti, è certamente il vostro momento!

Elevazione e coordinazione – due ingredienti necessari!


 

Crossminton

Se state ancora ripensando all’epico match finale del torneo di Wimbledon, quello scontro tra titani durato ore ed ore, forse è arrivato il momento di innovare la tradizione con una bella partita a Crossminton. Cosa occorre? Racchette più leggere e uno speeder (la pallina) simile a quello utilizzato nel Badminton. Con il perfetto compagno di squadra il divertimento è assicurato, dato che si gioca all’aperto anche in condizioni ventose – state pronti a tuffi spettacolari, e conseguenti lividi spettacolari!

Team work makes the dream work


 

Teqball

Secondo sport della lista originato dal calcio, il Teqball è la vera mania dell’estate: un ping pong giocato con piedi, testa e petto, che richiede tecnica ed esecuzione perfette. Non a caso, tutti i calciatori ne vanno pazzi! Formentera ed Ibiza sono ormai colonizzate dai tavoli ondulati e i social esplodono con le acrobazie degli atleti che non vedono l’ora di mettere in mostra le loro capacità davanti ad una camera. Non siate timidi e mettetevi alla prova, c’è da sudare per tutti.

I calciatori brasiliani ormai passano più tempo al Teqtable che in campo


 

Negroni

Per chi non compete con il corpo, ma con lo spirito (gioco di parole voluto), quest’anno si celebra il centenario del Negroni, il cocktail più nobile, 100% Made in Italy. Nato a Firenze, su richiesta del Conte Camillo Negroni, il drink ha ormai raggiunto ogni angolo del globo, conoscendo varianti più che mai fantasiose: Negroski, dove il gin viene sostituito con la vodka; Cardinale, con il Vermouth dry al posto del rosso; Japanese Negroni, con l’aggiunta di sakè – etc. È quindi il caso di festeggiare questa celebrità nostrana, ma, ovviamente, drink carefully and with style!

Un terzo di Campari, un terzo di Vermouth rosso e un terzo di Gin!