London Fashion Week: tendenze da Swinging London

Abbandonato il freddo newyorkese è tempo di passerelle in perfetto stile british. Al via la London Fashion Week: tra incertezze da Brexit, nuovi esordi e vecchie glorie, il calendario modaiolo si fa sempre più ricco di appuntamenti per un’edizione all’insegna di una positività che guarda al mondo.
London Fashion Week 2019

Milano, Parigi, New York, Londra e poi ancora Milano e di nuovo Parigi, è proprio vero che la moda è fatta per coloro che non riposano mai. Chiusi nel cassetto i ricordi e gli scatti più belli di una settimana newyorkese ricca di emozioni tutte da condividere negli ultimi post ancora da caricare, è tempo per il mondo della moda di volare a Londra alla scoperta delle nuove tendenze frutto delle creatività della città che non annoia mai.

Il British Fashion Council parla chiaro, protagonista di questa edizione sarà una moda capace di puntare i riflettori sulla genialità dei suoi partecipanti con un approccio positivo e internazionale, mettendo da parte, almeno per qualche giorno, la malinconia da Brexit e la preoccupazione sugli effetti che questa manovra potrebbe avere sul settore moda.

Numerosi gli appuntamenti ai quali non mancare, tra debutti di nuovi volti provenienti da tutto il mondo e fedeli veterani impegnati a celebrare momenti importanti della loro carriera, primo tra tutti i 50 anni di attività firmata Zandra Rhodes, designer dall’estro indiscusso ricordata per le sue stampe coloratissime e la stravaganza del suo caschetto rosa.

In scena nelle due giornate d’inizio le collezioni ERNESTO NARANJO AW19, Mark Fast, Renata Brenha, Amanda Wakeley, Marta Jakubowsky e Symonds Pearmain.

Grande attesa, invece, per le passerelle di Riccardo Tisci per BurberryJW Anderson, Vivienne Westwood tornata a cavalcare la scena londinese con una catwalk congiunta donna – uomo e Victoria Beckham di nuovo in città dopo aver accantonato la moda newyorkese; tra i nuovi entrati spiccano i nomi della designer Ji Won Choi con la sua collezione per Adidas Original e Grace Wales Bonner per la prima volta con una linea womenswear, mentre l’attenzione si concentra anche su Yasuko Furuta con il brand Toga, Natasha Zinko, Steve O Smith e Huishan Zhan.

 Ji Won ChoiNatasha Zinko

 

Huishan ZhangToga

Aperta al pubblico del Victoria and Albert Museum la mostra dal titolo Christian Dior: Designer of Dreams dedicata alla bellezza dell’arte Dior dal 1947 con una retrospettiva sul couturier francese che per anni ha vestito le donne di una grazia romantica.

E ancora, un tuffo nel passato negli anni ’60 quando Londra si riscopriva centro nevralgico di una rivolta giovanile ormai dilagante: al Fashion and Textile Museum arriva Swinging London: A Lifestyle Revolution con le creazioni del Chelsea set gruppo di artisti, fotografi e designer dall’istinto rivoluzionario, come la madrina della minigonna, Mary Quant.

Insomma, possiamo dire che i prossimi giorni di questa London Fashion Week saranno sicuramente ricchi di novità e spunti da apprendere; quindi, cellulari alla mano, teniamoci pronti ad inquadrare e scattare l’emozione più intensa mentre a fare da sfondo sarà la bellezza di una città dal fascino intrigante e da sempre capace di unire perfettamente passato e presente nell’ottica di un’innovazione sempre rivolta al futuro.